Macchinista colto da malore in Toscana

Macchinista colto da malore in Toscana

Condividi su:

COMUNICATO: Malore di un macchinista agente solo, lunghissimi tempi di attesa

Abbiamo appreso che ieri sera un macchinista del trasporto regionale in condotta lungo la linea Siena-Empoli è stato colto da malore ed il capotreno ha quindi messo in atto la richiesta dei soccorsi.

Nonostante il treno si trovasse fermo a un solo chilometro dalla stazione di Castellina, il tempo per l’arrivo dei soccorritori, giunti a bordo di un altro treno, sarebbe stato, da quanto trapelato, addirittura di circa un’ora e mezza.

Il nostro collega per fortuna sta bene, non si è trattato di un malessere grave, ma se si fosse trattato di qualcosa di peggio, come sarebbe andata a finire? Che sorte gli sarebbe toccata se, colto ad esempio da un infarto, avesse dovuto attendere per più di un’ora l’arrivo dei soccorsi?

Questo ennesimo grave episodio conferma ciò che abbiamo sempre affermato: che solo se entrambi gli agenti sanno guidare il treno, in caso di malore dell’uno l’altro sarebbe in grado di condurre il treno fino alla prima stazione, dove i soccorsi potrebbero giungere in tempi utili.

No all’agente solo!

Lascia un commento

Sfoglia articoli:

POTREBBE INTERESSARTI:

lavoro a turni
Gianluca Cardinale

Un grandioso sciopero!

Macchinisti e capitreno, riuniti in Assemblea Nazionale, chiedono un contratto vivibile. Sostegno dai sindacati di base. Si è da poco concluso il secondo sciopero proclamato dall’Assemblea Nazionale PdM

Leggi »